Fagioli ‘on le ‘otenne
(tradizionale livornese)

Fagioli ‘olle cotenne, galletti senza penne, minestra ‘nsulle palle
aringhe affumicate, porpette di patate

Agnello in fricassea, tre crognoli e ‘na cea…
patate ner tegame ‘on la verdea…
…vorrei mangia’…

Città…
c’era una trattoria fòri di mano
che da Colline mi portò a Sarviano
chiesi ‘r menu e lei con voce grave
disse: «Sono spiacente, e ‘un ciò che fave!»

Ho perso ‘r filobusse, mi s’è rotto r’calesse, la ciuca m’abbortisce
ed io senza speranza me ne vo verso l’Ardenza

T’imbocco in una via, c’era una trattoria
aveo una fame mi portava via
…vorrei mangia’…

Città…
ma com’è brutto fare la strada a piedi
specie se ciài una fame che non ci vedi
e dar Cinghiale andai dar Torricelli
vendeva la polenda, ma con gli uccelli

Città…
andai ar Bar Sole e presi una brioscia
la riposai perché era troppo moscia
ne presi un’altra ed era ma troppo dura
dissi le mi ragioni…
e mi mandonno a letto addirittura!

Tutte le canzoni